Inizierà nel mese di giugno, presso la sede “C. Merulo” di Castelnovo ne’ Monti, il progetto triennale Tracce sonore.

Tracce Sonore è un progetto di ricerca-azione che fa parte della Strategia Nazionale Aree Interne “La montagna del latte”, una più ampia progettazione territoriale iniziata nel 2019 a sostegno dello sviluppo di attività produttive e formative voluta e promossa dall’Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano. L’azione “tracce sonore”, in convenzione con l’ISSM “Peri- Merulo” di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti, rientra nella scheda “Piattaforma 0-10” strutturata con azioni innovative rivolte a bambini dagli 0 ai 10 anni.  

Destinato ad alcune classi di scuola d’infanzia e primaria del territorio montano, il progetto Tracce Sonore coinvolge bambine e bambini, loro insegnanti e figure di atelieristi musicali in esperienze didattiche volte a indagare i processi di rappresentazione del fenomeno sonoro/musicale in età infantile. Scopo ultimo del progetto è fornire agli insegnanti strumenti di analisi e d’interpretazione delle risposte date dai/dalle bambini/e nel corso delle esperienze condotte e osservate.  

La progettazione dei percorsi, i criteri di osservazione e di analisi adottati trovano i propri riferimenti teorici nella teoria delle condotte di Delalande, in studi di Imberty e in altri contributi ancora (in parte mutuabili anche dalle neuroscienze), tenendo presenti la trasversalità dei linguaggi e la centralità del corpo quale spazio di de/ri/codifica dell’esperienza musicale caratterizzante l’età infantile.

Tracce Sonore prevede un percorso integrato di formazione, in parte congiunto, rivolto a insegnanti e atelieristi musicali in cui si alternano momenti a carattere seminariale e laboratoriale (in fase di avvio in modalità necessariamente a distanza a causa del Covid-19) con momenti di studio e ricerca in piccoli gruppi. Tra gli esperti di fama che hanno dato la loro disponibilità a collaborare al progetto, figurano: François Delalande, Anna Maria Freschi, Franca Mazzoli, Enrico Strobino, Maurizio Vitali.  

Sono aperte le iscrizioni per gli Atelieristi musicali 

L’I.S.S.M. di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti, nell’ambito del progetto triennale di ricerca-azione “TRACCE SONORE”, offre a quanti interessati la possibilità di partecipazione a un percorso formativo utile per la selezione di un’équipe di figure  di “Atelierista musicale” a cui assegnare (con successivo bando emanato entro luglio 2020) la progettazione, realizzazione e documentazione di attività educativo - musicali destinate alla fascia d’età 0-10, all’interno del più vasto piano di Strategie Nazionali per le Aree Interne (SNAI), coordinato dalla sede C. Merulo di Castelnovo ne’ Monti (RE), dall’Unione dei Comuni.

La prima fase della formazione si svolgerà tra i mesi di giugno-ottobre 2020, per non meno di 30 ore in forma mista (a distanza e, non appena possibile, in presenza), avvalendosi di formatori esperti di chiara fama anche internazionale nel campo dell’educazione al suono e alla musica nell’infanzia e nella preadolescenza. La formazione, che coinvolge le/i docenti delle classi destinatarie del progetto, è offerta ai partecipanti interessati a titolo gratuito.

La formazione attivata tra giugno/luglio 2020 (con frequenza per non meno dell’80% delle ore pianificate) sarà attestata e utilmente valutata ai fini della partecipazione al bando di selezione dei candidati Atelieristi musicali chiamati a realizzare (mediante assegnazione di specifico incarico professionale) le attività didattico-musicali nell’ambito del progetto di ricerca-azione “Tracce Sonore”. 

Per partecipare è sufficiente inviare la scheda d’iscrizione in allegato entro sabato 6 giugno 2020 all’indirizzo mail: issmusicali.reca@legalmail.it
 
Scarica la PRESENTAZIONE del Progetto QUI
 
Scarica la CALL del progetto QUI
 
Scarica il MODULO per la domanda QUI
 

Torna la musica nella sede dell’Istituto nei Chiostri di San Domenico

Il Peri-Merulo riapre agli studenti: accesso in sicurezza e soluzione per lo svolgimento delle lauree

Reggio Emilia, 28 maggio 2020 – Il Peri-Merulo riprende ufficialmente le sue attività. L’Istituto musicale reggiano torna a far sentire la propria musica nella sede dei Chiostri di San Domenico: dopo il Conservatorio di Bologna, la Scuola reggiana è tra le prime istituzioni a riaprire le proprie aule agli studenti.

Dal 20 maggio scorso, l’istituto Superiore di Studi Musicali “A. Peri – C. Merulo” ha riaperto le porte ai propri studenti, in modo parziale e progressivo, in completa sicurezza e rispettando le norme del distanziamento anti Covid-19. Fino al 15 giugno si svolgeranno le gli esami e le lauree  che erano in sospeso dalla scorsa sessione invernale ( febbraio-marzo), successivamente si proseguirà con le lauree della sessione estiva e agli esami necessari al completamento del percorso di studi per il conseguimento delle stesse.

“Una scelta motivata dalla volontà di salvaguardare il valore e la qualità di un importante momento come quello della laurea che è il coronamento di un lungo percorso di studi fatto di impegno e sacrifici – spiga il Direttore M° Marco Fiorini -. Svolgere una laurea online, ipotesi che avevamo comunque valutato come estrema ratio, credo che sarebbe stato mortificante e avrebbe significato relegare questo momento a poco più di una assegnazione di ufficio, in quanto questa  modalità non permette certo di avere un’oggettiva percezione della qualità  generale dell’esecuzione. Se le condizioni sanitarie ce lo permetteranno, pensiamo di aprire anche su altri fronti, come ad esempio a tutti gli esami della parte universitaria”.

Nel rispetto dei DPCM del 17 maggio, che prevede la possibilità alle università e alle istituzioni AFAM  di svolgere esami, sono ricominciati in sede le esercitazioni e i laboratori in presenza. L’istituto si è attrezzato con tutti i dispositivi necessari a garantire la sicurezza, come le colonnine per l’erogazione del gel sanificante, termoscanner, misuratore dell’ossigeno, pannelli in policarbonato, lampade uv per la sanificazione degli ambienti, ed è stato elaborato un piano sicurezza contenente tutte le indicazioni relative ai dispositivi, ai comportamenti da adottare e agli spazi idonei per lo svolgimento dell’attività.

Non solo, il chiostro Morris, del complesso dei Chiostri di San Domenico, è stato predisposto ad accogliere all’aperto gran parte delle lauree che verranno trasmesse via streaming per dare la possibilità ad amici e parenti di assistervi: “Sarebbe stato molto più semplice e comodo scegliere di svolgere gli esami e le lauree  in modalità online – continua il Direttore -, ma chi ha la responsabilità di un istituzione deve avere anche la capacità di fare scelte coraggiose nel momento in cui ritiene che queste siano fatte per il bene dell’Istituzione. Un ringraziamento particolare è rivolto al presidente, dott. Armando Sternieri, che ha condiviso questa scelta e ai membri del consiglio accademico con i quali ho avuto un confronto costante condividendo le problematiche di un periodo molto difficile e incerto”.

"Salutiamo la riapertura delle attività didattiche dell'Istituto Peri Merulo con grande entusiasmo ed un pò di emozione -  aggiunge l’assessora a Educazione e Conoscenza del Comune di Reggio Raffaella Curioni- . Una delle principali Istituzioni educative della città riapre le aule dei Chiostri di San Domenico alla presenza ed alla partecipazione di studenti e famiglie. Sappiamo bene che sono stati mesi difficili anche per il nostro Istituto musicale che però non ha mai sospeso lezioni ed esami seppure offerte in modalità on line. Oggi riapriamo con l'emozione che sta accompagnando questa nuova fase della città che di giorno in giorno si riappropria di spazi, progetti e socializzazione e musica. Un sentito ringraziamento a tutto il personale dell'Istituto al suo direttore, al suo presidente e a tutto il consiglio di amministrazione per il lavoro attento e responsabile svolto in questo difficile momento. E naturalmente un grande in bocca al lupo per questa nuova straordinaria ripartenza."

 

“Un grande contributo – è il bilancio di Fiorini dalla fase di chiusura ad oggi- è stato fornito dall’intero corpo docenti che, grazie alla modalità a distanza, ha tenuto  vivo il contato con gli studenti e dal personale di segreteria didattica, amministrativa, di direzione, della biblioteca, della produzione, comunicazione e in particolare dalla  dott. Maria Luigia Raineri al vicedirettore Maria Luisa Azzolini, al coordinatore della sede Merulo Mirko Ferrarini, alla responsabile della biblioteca Monica Boni, per aver garantito il corretto funzionamento dell’Istituzione in una situazione che ci ha costretti a reinventarci  e ad attuare nuove modalità che hanno richiesto un impegno a volte superiore rispetto a quello profuso in condizione normali”.

 

“Credo che ancora una volta il Peri-Merulo abbia dato dimostrazione di efficienza, funzionalità e soprattutto di lavorare nell’interesse degli studenti, come dimostrato dalle diverse manifestazioni di vicinanza da parte delle famiglie e della cittadinanza”, conclude il Direttore Fiorini.

L'Inno alla gioia dalla Nona Sinfonia di Beethoven è il brano scelto dall'Istituto Superiore di Studi Musicali "Achille Peri - Claudio Merulo" come omaggio per la Festa dell'Europa del 9 maggio 2020.

Buon ascolto!

(clicca sull'immagine per vedere il video)

Vai all'inizio della pagina